Biografia

> Biography and artistic personality

> Foto dell’Artista Luigi Centra

Luigi Centra è nato a Carpineto Romano, in provincia di Roma, il 28 novembre del 1946. Oggi, risiede a Veroli (FR) e appartiene alla corrente artistica che sta rivalutando e reinterpretando, in Italia, la Pop Art americana.

I suoi primi lavori artistici sono state le fotografie in bianco e nero. Era solito, infatti, divertirsi a dipingerle con il colore ricavato dalla carta velina. La sua prima tela fu costruita con le lenzuola rovinate di sua madre, il dipinto un vaso di rose.

Giovanissimo, inizia a viaggiare in giro per il mondo, a scrivere e a fare ritratti, a dipingere oggetti, senza disdegnare la natura ed i paesaggi. Le sue mete preferite sono la Francia, il Belgio, la Spagna e la Germania. Dorme ovunque gli capita, anche in strada. I suoi primi incassi sono delle uova fresche.

Seduto ai piedi di un monumento disegna e dipinge con acquerelli, su carta, su tavole, tele e cartoncini, talvolta raccolti anche nella spazzatura, in cambio di qualche moneta donata dai passanti compiaciuti.

Durante gli anni di permanenza in Germania, a Worms ed a Monaco di Baviera, incontra Lichteistein, altro esponente della Pop Art. Per cercare di farsi conoscere, durante i suoi viaggi in treno, regala libri di poesie e tele.

Luigi Centra Artista1

In Spagna Luigi Centra è ospite di diversi amici tra cui il suo amico ristoratore Ettore che grazie alla compartecipazione del Consolato spagnolo organizza una mostra proprio nel suo locale a Cadiz. In Spagna viene ricordato nei giardini a dipingere con in testa il suo inseparabile cappello pubblicitario (Il Conte de Cuba) americano di colore bianco che lo parava dal sole alla “Plaza Real el Pintor Italiano … Entre ellos uno sobre el viento del Levante”.

Nel 1981 giunge nello Yemen e poi a Tripoli e Bengasi in Libia, nella Repubblica Democratica del Congo, in Somalia ed Etiopia. Nel corso di questi viaggi Centra scrive, con felicità e tormento, ispirato dalla classe politica e dai suoi grandi amori.

Dal 1984 è iscritto al sindacato libero scrittori italiani a Roma.

Vagabondo nel mondo è paragonabile agli artisti di strada come pellegrini menestrelli, trovatori, cantori e banditori Auctionator di libera espressione di pensiero. Questo è anche il caro prezzo che deve pagare per la sua libertà artistica e di pensiero.

occhi_luigi_centraNel corso della sua vita Luigi Centra espone le sue opere ovunque, ottenendo plausi anche come restauratore, di chiese e palazzi dell’antica nobiltà, avendo contatti diretti con alcuni sovrani.

In qualità di protagonista, interpreta, in campo amatoriale, diversi film, i cui soggetti sono suggeriti e consigliati da Nino Manfredi, che conosce personalmente insieme a Sofia Loren, Carlo Verdone ed il compianto Marcello Mastroianni, al quale dedica un’intera pagina, come giornalista associato ANSA, sulla nota rivista “Cronache Italiane”, in occasione della sua scomparsa.

Scrive numerosissimi volumi di storia, narrativa e poesia.

Tornato a Roma è solito recarsi frequentemente, in compagnia della nipote Rossella, sullo zatterone sul Tevere per incontrare amici attori e cantanti. Tra i tanti artisti Sting e Vittorio Gasman.

Centra interpreta diversi stili d’arte ma l’impressionismo astratto è la sua vera passione!

Curioso l’episodio di quando ha dipinto con i piedi nudi inzuppati di vari colori davanti a colleghi quali Americo Diana e l’amico Lorenzo Fiorani, suo manager.
Luigi Centra è sicuramente un artista a cui piace improvvisare, non è mai sprovvisto di colori e sa attirare l’attenzione. A Prato (Fi) realizza una estemporanea su un fazzoletto di carta, con un rossetto, un mascara e le dita intinte in una tazzina di caffé, offerti da una giovane turista.

Nel 1998 ottiene il premio alla cultura dalla presidenza del Consiglio dei Ministri.

centra bostonNel 2003 Centra varca i confini dell’Europa la sua meta sono gli Stati Uniti. Si reca a Boston e poi a Cambridge, per una sua mostra personale presso la Società Dante Alighieri, ma al ritorno all’aeroporto di Logan Centra viene scambiato per terrorista e gli vengono sequestrati tutti i colori. Un vero e proprio incidente diplomatico conclusosi, per sua fortuna, nel migliore dei modi.

Nel 2010 viene premiato al teatro di Misterbianco (Catania) da Angela Lombardo, presidente dell’Associazione scientifico culturale “Mea Lux”, per i suoi meriti artistici, insieme a Fulvio Frisone, fisico nucleare di fama mondiale.

Molte le iniziative benefiche e umanitarie patrocinate anche da ONU, UNESCO ed UNICEF che vedono la partecipazione dell’artista. Per anni l’artista, che da tempo ha scelto il frusinate e Roma nel Lazio come punto di riferimento, ha lavorato presso la Croce Rossa Italiana, ed è intervenuto nelle zone terremotate, in stato di emergenza e di calamità naturale. A tal proposito si ricorda il suo viaggio a Kiev in Ucraina con l’Associazione del luogo “Italiamo”, ospite presso l’Università di Taras Scewschenko dove allestisce una sua mostra il cui ricavato viene donato in beneficenza in favore dei bambini malati, presso l’ospedale del reparto oncologico di Kiev, a causa dello scoppio del reattore di Chernobyl. Lui stesso si reca in vari ospedali del mondo portando gioia, pace, doni, progetti e quant’altro, con la sua accademia artistica denominata Accademia Internazionale Artistica Nord Sud. Nello stesso periodo si reca spesso in tantissimi orfanotrofi dello Stato Ucraino insieme ad alcune associazioni tra cui “Fratello Sole” di Cimitile di Nola a Napoli; in queste occasioni l’artista ha modo di tenere anche dei seminari di pittura.

Per diversi anni frequenta posti turistici del nord Italia, Venezia in particolare. Si fa conoscere ed apprezzare per le sue doti artistiche tanto che, a San Pietro di Stra (Venezia), un suggestivo spazio verde, ove l’artista era solito dipingere durante la sua permanenza, viene denominato in suo onore “Centra Park”.

Due gli annulli di Poste Italiane che riportano le opere dell’artista. Il primo annullo postale risale al 22 novembre 2008 presso la Prefettura di Frosinone. Il secondo annullo è dell’otto dicembre 2015 a Serrone (FR) “Quando il colore fa rumore”.

Uno spazio artistico permanente, presso l’Università degli Studi di Milano a Crema (Cremona) conserva le sue opere esposte.

salacentraA Monte San Giovanni Campano, in provincia di Frosinone, all’interno della Biblioteca Comunale è stato allestito il Museo d’Arte Moderna “Luigi Centra” con centinaia di opere e numerosissimi supporti cartacei e materiale elettronico.

A Rocca D’Arce (Fr) all’interno del Teatro Federico II è presente la “Sala Centra” con tantissimi supporti cartacei, fotografie, testi, volumi e cd rom.

BIENNALE DI VENEZIA 2011 CENTRA SGARBI-ARSENALE PAD.ITALIANel 2011 Luigi Centra ha l’onore di accompagnare il Prof. Vittorio Sgarbi alla 54esima Biennale d’arte di Venezia dove pubblica diverse sue monografie.

Il 16 giugno 2013 realizza il logo della XXIV edizione del Premio “Rocca d’Oro” al Piglio (FR).

Nel 2014 partecipa alla Biennale di Verona sulla creatività di Torino, dove intervengono il prof. Sgarbi, Katia Ricciarelli, Red Ronnie e il Critico Prof. Paolo Levi di Torino. Partecipa inoltre alla mostra nel Palaexpo di New York curata dal Prof. Francesco Saverio Russo di Roma.

Ultimamente Luigi Centra è stato invitato da una organizzazione Russa ad esporre a Mosca con il Patrocinio dello Stato Sovietico.

Nel 2015 a Villa Balestra presso il Comune di Rodigo, in quel di Mantova, in due sale è allestita una mostra permanente, con le opere del M° Centra su Ippolito Nievo e Giovanni Verga, uno scambio culturale tra Nord e Sud Italia.

l. centra venezia 2011Ogni anno al Centra Park a Stra Venezia viene celebrato il “Premio Internazionale Grandi Artisti Luigi Centra” , dedicato all’artista, in cui vengono premiati con la dea alata personaggi di spicco del mondo dello spettacolo e dell’arte in genere.

Luigi Centra espone all’Amadeus Hotel, per l’ennesima volta a Venezia alla presenza del critico Giorgio Grasso, dopodiché si reca su invito di Mediaset con il Manager Pasquale Sorabella presso il Padiglione Cibus Italia all’Expo di Milano dove esegue una cinquantina di opere Pop-Art “Spaghetti per Tutti” ed è stato invitato nel padiglione dal Sultano del Qatar per progettare lavori futuri.

E’ stato amico di molti artisti tra cui Bruno Dalfiume, Fulvio Musina e Adriano Velussi e di molti pittori che hanno visto in lui un esempio da imitare.

Molti sono stati i critici che hanno commentato le sue opere e la sua personalità: Vittorio Sgarbi, Antonio Oberti, Jonathan Zhivago, il critico Prof. Lino Di Stefano, il prof. Argan di Roma.

esposizone-aiansIn questi ultimi anni il pittore Luigi Centra ha donato parecchie sue opere, libri, stampe e fotografie, a musei e biblioteche, ad enti privati ed Uffici della pubblica amministrazione. I quadri sono esposti nei migliori musei nazionali di arte moderna nel mondo, come: “Courtauld Institute Museum of ar Somerset House” London, il “Modern Art Museum Moderner” Klagenfurt in Austria, quello di New York negli U.S.A., il Museo Nazionale di Arte Moderna “Louisiana National Museum of Modern Art” Humleb/EK U.S.A. “San Francisco Museum of Modern Art” California U.S.A. “Museum of Contemporary of Toronto” Canada “ National Museum “Hong Kong” ( Giappone) e tanti altri in Italia, come per esempio “Museo Civico di Storia Naturale” e “Museo Del Mare” a Giardini Naxos di Messina (Sicilia) ” Museo del Vaticano” e nei “saloni di Sua Santità, il “Museo Comunale dell’Informazione dell’Arte Moderna” Senigallia (Ancona) ”Museo dell’Occhiale” di Tai, a Pieve di Cadore (Belluno ), “ Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari “Luigi Michele Giordani” Tolmezzo (Udine), “Museo Etnografico di Palazzo Veneziano” Malborghetto (Udine), Archivio Storico di Stato della Biennale di Venezia e tanti altri ancora.

Tra le sue ultime donazioni: quella al Museo civico di Alatri (Fr), presso il Palazzo Gottifredo. Presso gli uffici pubblici del Comune di Veroli (Fr), il luogo in cui vive, sono presenti dieci sue opere, donate con spirito di amore e gratitudine per il suo paese. Altre sue opere sono presenti presso la biblioteca di Atina (Fr), la Prefettura di Frosinone, le Poste centrali Frosinone, l’Archivio di Stato Frosinone, la Stazione dei Carabinieri Frosinone, la Questura di Frosinone, la Guardia di Finanza di Frosinone, la Procura della Repubblica Frosinone, la Polizia locale di Veroli (Fr), la Polizia locale di Anagni (Fr).

flag_of_the_united_states_pantone-svg

Biografia in lingua Inglese

Biography and artistic personality